Create an account

GW2: Guida strategica Urban Battleground

Urban Battleground Fractal

Quarto appuntamento con la guida strategica ai Fractal of the Mists di Guild Wars 2, è la volta del Fractal Urban Battleground.

Difficoltà: Media
Lunghezza: Media

Un altro Fractal definibile "adeguato", non troppo lungo ma con una quantità di loot decisamente buona. La particolarità di Urban Battleground, che farà felici molti fan del primo titolo ArenaNet, è l'ambientazione, ripresa dal lore di Guild Wars 1.

Parte 1: Dulfy ed il Cancello

Urban Ingresso

Per tutta l'istanza il gruppo sarà seguito da un certo numero di PNG che combattono i nemici e fanno molti danni, quindi il primo consiglio è cercare di tenerli sempre in vita. Già dall'inizio questi personaggi tenderanno a seguire in particolare un giocatore e quindi il prescelto dovrà prestare attenzione a non stare troppo lontano dai nemici, in modo che i PNG amici saranno in range ed attaccheranno.
Inizialmente lo scopo sarà raggiungere il cancello che è possibile vedere dal punto di partenza, dove ci attende il Siegemaster Dulfy in compagnia delle sue macchine da assedio.

Urban Dolfy

Suggerimento: Conviene passare lungo il perimetro verso sinistra, in modo da evitare di doversi aprire la strada combattendo contro nemici che, purtroppo, non lasceranno a terra alcuna ricompensa anche se uccisi

Dulfy, posizionata proprio davanti al cancello, continuerà a riparare le macchine da assedio (ballista, arrow cart) che continueranno a far danni e knockback. La prima cosa da fare è cercare di distruggere i calderoni di olio posti sul cancello, che provocano ingenti danni. Il passo successivo sarà uccidere Dulfy e da quel punto si potrà più agilmente distruggere le altre macchine d'assedio ed il cancello per passare oltre.

Part 2: Ascalon

Urban Labirinto

Una volta entrati ad Ascalon, ci sarà ad attendere i giocatori un vero e proprio labirinto, fatto di trincee e pieno di nemici con le spalle coperte dalle macchine da assedio. Lo scopo è trovare e distruggere il cancello della cerchia di mura interne, in modo da poter proseguire.
Nei gruppi di nemici che attendono ci sarà da prestare attenzione a due in particolare: i warrior ed i monk. I primi picchiano molto duro ed i secondi curano, creando, se trovati contemporaneamente, un duo davvero formidabile. Il guerriero, con le sue cariche, è da evitare ad ogni costo, pena essere uccisi in un colpo solo o quasi.

Suggerimento: Uccidere i warrior da distanza evita di doverne subire i danni, successivamente conviene uccidere i monk.

Ai livelli più alti si possono trovare anche dei nemici elementalist che fanno un sacco di danni, evitabili semplicemente prestando attenzione al punto di atterraggio delle fiamme evocate.
E' importante ricordarsi di tenere sempre vivi ed in range i PNG, in modo da rendere gli incontri pià semplici.

Oltrepassata la successiva cerchia di mura, dopo aver distrutto il cancello, bisognerà cercare di arrivare al centro dell'area dove è visibile una grossa statua e dove attendono una serie di macchine d'assedio insieme ad un buon numero di nemici.

Urban Cerchia Interna

Suggerimento: Cercare di ingaggiare i nemici un gruppo alla volta, stando riparati dietro alle statue sparse lungo il perimetro, consentirà di combattere senza subire i knockback delle balliste.

Boss: Captain Amysh

Ripulita la zona, uno dei PNG distruggerà la statua al centro ed inizierà un rituale, durante il quale dovrà essere protetto da alcune ondate di gruppi di tre nemici. Questa parte è abbastanza semplice da afforntare e porterà allo scontro con il boss finale, il Capitano Amysh.

Urban Defend
Ogni quarto di vita, il boss potrà cambiare arma. Non è detto che lo faccia di sicuro, ma nel caso potrebbe cambiare l'incontro totalmente.

Ci sarà sempre un nemico aggiuntivo che fornisce might al boss - che avrà già di suo addosso sia protection che retaliation, due buff fastidiosi e che non possono essere rimossi - ma non converrà perdere tempo ad ucciderlo visto che ne tornerà quasi immediatamente uno diverso.
Anche in questa fase i PNG sono molto importanti e bisognerà prestare attenzione a restare in melee (per chi viene seguito dai personaggi) in modo che entrino in combattimento e facciano la loro parte di danno.

Urban Boss Finale

In base alle armi utilizzate dal boss si avranno meccaniche diverse:
Sword e Shield

E' il set di armi più semplice da affrontare, dato che sarà un po' più difensivo ma il danno inferto sarà diminuito. Potrà essere affrontato come un qualsiasi nemico in questo caso.

Staff

Con la staffa in mano Amysh utilizzerà attachi di fuoco che potranno variare da una pioggia di meteore - che può uccidere con un colpo solo anche un personaggio pieno di vitality e toughtness - ad una linea di fuoco a terra che può essere evitata agilmente.
L'attacco più potente però è la sua esplosione gigante: prima di usare questo attacco Amysh si fermerà un attimo e lancerà un piccolo cerchio di fuoco attorno a se. Questo è il preavviso per ciò che accadrà a breve, ovvero l'esplosione che infligge moltissimi danni ed applica Agony. La gittata di questa esplosione è 900 quindi si potrà evadere verso l'esterno oppure fare dodge nel momento in cui parte l'abilità

Greatsword Fiammeggiante

Con quest'arma Amysh infliggerà molti danni ma solo in corpo a corpo quindi, se possibile, basta attaccarlo da distanza.

Ucciso il boss, il Fractal finisce.

Suggerimento: Abilità per rallentare (cripple, chilling) sono molto utili in questo combattimento, permettendo di rimanere a distanza il più possibile

Achievement: “Out of Cluck”

L'achievement consiste nell'uccidere tutte le galline che ci sono sparse nel Fractal. Può essere davvero un'operazione lunga trovarle tutte, quindi è consigliabile farlo al più basso livello di Fractal possibile.

Commenti
Refresh Posts
Nessun commento